Il caso di Rignano: ancora un episodio del rapporto tra scienza e processo