L’elettrificazione delle linee ferroviarie, avviata dalla prima metà del XX secolo, ha contribuito in seguito a fare del treno il principale mezzo per il trasporto di persone e merci. Questo almeno fino agli anni ’60, quando la diffusione delle automobili e l’intensificazione dei più veloci vettori aerei hanno contribuito ad attivare un progressivo ripensamento tecnico e organizzativo delle ferrovie. Avviando un processo selettivo, in nome della rapidità, auto e aerei hanno inesorabilmente oscurato i tracciati ferroviari che per quasi due secoli avevano garantito il fluire nel territorio di genti, idee, merci, saperi e culture. Negli ultimi anni, la realizzazione delle linee ad alta velocità, se da un lato sta certamente contribuendo a rilanciare in modo competitivo il trasporto su ferro, per altri aspetti sta incrementando il processo di dismissione e abbandono di gran parte del patrimonio infrastrutturale ferroviario che ha contribuito alla definizione, alla formazione e all’evoluzione del paesaggio agrario e industriale.

Ripensare le linee inutilizzate della Sangritana fra infrastrutture verdi e art bonus

Filippo ANGELUCCI
2018

Abstract

L’elettrificazione delle linee ferroviarie, avviata dalla prima metà del XX secolo, ha contribuito in seguito a fare del treno il principale mezzo per il trasporto di persone e merci. Questo almeno fino agli anni ’60, quando la diffusione delle automobili e l’intensificazione dei più veloci vettori aerei hanno contribuito ad attivare un progressivo ripensamento tecnico e organizzativo delle ferrovie. Avviando un processo selettivo, in nome della rapidità, auto e aerei hanno inesorabilmente oscurato i tracciati ferroviari che per quasi due secoli avevano garantito il fluire nel territorio di genti, idee, merci, saperi e culture. Negli ultimi anni, la realizzazione delle linee ad alta velocità, se da un lato sta certamente contribuendo a rilanciare in modo competitivo il trasporto su ferro, per altri aspetti sta incrementando il processo di dismissione e abbandono di gran parte del patrimonio infrastrutturale ferroviario che ha contribuito alla definizione, alla formazione e all’evoluzione del paesaggio agrario e industriale.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1.1 698128 Sangritana infrastrutture verdi e art bonus.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Ripensare le linee inutilizzate della Sangritana fra infrastrutture verdi e art bonus
Tipologia: Documento in Post-print
Dimensione 254.73 kB
Formato Adobe PDF
254.73 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/698128
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact