Luoghi quotidiani e spazi del turismo: barriere invisibili nelle città?