il testo recensisce la 14° edizione della Mostra Internazionale di Architettura ed il nuovo ruolo assegnato ai padiglioni dei paesi partecipanti, invitati a dare il proprio contributo ad uno dei tre temi principali che hanno caratterizzato la rassegna di questa Biennale. Contrariamente a quanto ciascuno dei paesi ospiti faceva autonomamente (seppur stimolati dall’indirizzo del curatore) nelle edizioni precedenti, in questa occasione a ciascun padiglione è stato affidato il compito di raccontare, nei modi e nelle forme propri di ognuno dei curatori nazionali, il secolo della modernità assorbito negli anni tra il 1914 ed il 2014. ABSORBING MODERNITY 1914-2014 infatti è stato il tema accolto ed affrontato da tutte le nazioni partecipanti (che per questa edizione sono passate da 55 a 66), in un caleidoscopio di storie che ha riportato all’attenzione dei visitatori gli eventi fondamentali della modernizzazione del proprio paese. Nell’idea del curatore c’era proprio questa volontà di un racconto a più mani capace di esprimere una modernità a partire dai tratti nazionali di ogni singolo paese. Un esito che si è concretizzato con una conclusione abbastanza sorprendente nella quale come dice Koolhaas “… la storia di questo ultimo secolo può essere scritta senza menzionare un solo architetto di primo piano. Noi siamo solo intrusi nelle storie nazionali sulle quali non abbiamo alcuna influenza” .

Absorbing Modernity. Annotazioni al margine della 14° Mostra Internazionale di Architettura di Venezia

Domenico Potenza
2014

Abstract

il testo recensisce la 14° edizione della Mostra Internazionale di Architettura ed il nuovo ruolo assegnato ai padiglioni dei paesi partecipanti, invitati a dare il proprio contributo ad uno dei tre temi principali che hanno caratterizzato la rassegna di questa Biennale. Contrariamente a quanto ciascuno dei paesi ospiti faceva autonomamente (seppur stimolati dall’indirizzo del curatore) nelle edizioni precedenti, in questa occasione a ciascun padiglione è stato affidato il compito di raccontare, nei modi e nelle forme propri di ognuno dei curatori nazionali, il secolo della modernità assorbito negli anni tra il 1914 ed il 2014. ABSORBING MODERNITY 1914-2014 infatti è stato il tema accolto ed affrontato da tutte le nazioni partecipanti (che per questa edizione sono passate da 55 a 66), in un caleidoscopio di storie che ha riportato all’attenzione dei visitatori gli eventi fondamentali della modernizzazione del proprio paese. Nell’idea del curatore c’era proprio questa volontà di un racconto a più mani capace di esprimere una modernità a partire dai tratti nazionali di ogni singolo paese. Un esito che si è concretizzato con una conclusione abbastanza sorprendente nella quale come dice Koolhaas “… la storia di questo ultimo secolo può essere scritta senza menzionare un solo architetto di primo piano. Noi siamo solo intrusi nelle storie nazionali sulle quali non abbiamo alcuna influenza” .
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2014_09 EWT Absorbing modernity .pdf

accesso aperto

Descrizione: file del contributo estratto dalla pubblicazione
Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 1.35 MB
Formato Adobe PDF
1.35 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/698743
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact