A proposito di "autarchia" pedagogica