Processualità della scienza: una testimonianza