Il presente contributo indaga la genesi del progetto urbanistico per dotare Roma, in occasione delle Feste per il Cinquantenario del Regno, di uno Stadio nel quale disputare gare sportive e ginnastiche. L'articolo intende chiarire se e in quale misura, secondo gli indirizzi di ricerca proposti dalla storiografia e dalla sociologia anglosassone, esso possa essere considerato un “luogo di potere” e una “sfera pubblica” nella quale gli spettatori sono protagonisti attivi.

Uno Stadio per la Città Eterna: genesi e sviluppo della Stadio Nazionale in Roma nelle carte dell'Archivio Capitolino (1908-1912)

Domenico Francesco Antonio Elia
2016

Abstract

Il presente contributo indaga la genesi del progetto urbanistico per dotare Roma, in occasione delle Feste per il Cinquantenario del Regno, di uno Stadio nel quale disputare gare sportive e ginnastiche. L'articolo intende chiarire se e in quale misura, secondo gli indirizzi di ricerca proposti dalla storiografia e dalla sociologia anglosassone, esso possa essere considerato un “luogo di potere” e una “sfera pubblica” nella quale gli spettatori sono protagonisti attivi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RSE_3.pdf

accesso aperto

Descrizione: Elia, Rivista di Storia dell'Educazione, vol. III, n. 1/2016
Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 859.29 kB
Formato Adobe PDF
859.29 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/701461
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact