Il ritratto del bellus homo in Mart. 3, 63: realismo e retorica