Biagio Rossetti e il bugnato a punte di diamanti prima e dopo il palazzo di Ferrara