Nel 2012 è stato pubblicato il frammento epigrafico di una lettera dell'imperatore Adriano alla città di Alicarnasso in Caria (AE 2012, 1550). Gli autori presentano alcune riflessioni sulla cronologia, sui contenuti superstiti e sulla cornice culturale di questo interessante, seppur lacunoso, documento. L'analisi della titolatura imperiale adrianea permette di affermare che la lettera è stata scritta tra il 128 e il 135, come risposta a una petizione di Alicarnasso. Si ipotizza che la città fosse stata danneggiata nel 128 da un terremoto, che avrebbe colpito anche Rodi, Astypalaia e altre località costiere della provincia Asia. Adriano avrebbe concesso finanziamenti pubblici per la ricostruzione di Alicarnasso su sollecitazione di un intermediario locale, il cui nome è perduto. Si propone dunque di riconoscere eventualmente questo personaggio nell'erudito Aelius Dionysios di Alicarnasso, retore atticista e storico di epoca adrianea. In parallelo si analizza la cultura storico-antiquaria caratteristica degli intellettuali prescelti da Adriano come procuratori equestri e segretari ab epistulis, a partire dal celebre Svetonio.

La lettera di Adriano ad Alicarnasso e la cultura storico-antiquaria in età adrianea. Riflessioni sull’iscrizione AE 2012, 1550

Filippini, Alister
;
2016

Abstract

Nel 2012 è stato pubblicato il frammento epigrafico di una lettera dell'imperatore Adriano alla città di Alicarnasso in Caria (AE 2012, 1550). Gli autori presentano alcune riflessioni sulla cronologia, sui contenuti superstiti e sulla cornice culturale di questo interessante, seppur lacunoso, documento. L'analisi della titolatura imperiale adrianea permette di affermare che la lettera è stata scritta tra il 128 e il 135, come risposta a una petizione di Alicarnasso. Si ipotizza che la città fosse stata danneggiata nel 128 da un terremoto, che avrebbe colpito anche Rodi, Astypalaia e altre località costiere della provincia Asia. Adriano avrebbe concesso finanziamenti pubblici per la ricostruzione di Alicarnasso su sollecitazione di un intermediario locale, il cui nome è perduto. Si propone dunque di riconoscere eventualmente questo personaggio nell'erudito Aelius Dionysios di Alicarnasso, retore atticista e storico di epoca adrianea. In parallelo si analizza la cultura storico-antiquaria caratteristica degli intellettuali prescelti da Adriano come procuratori equestri e segretari ab epistulis, a partire dal celebre Svetonio.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2016 BRU-FILIPPINI - Adriano e Alicarnasso (MedAnt XIX).pdf

accesso aperto

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 3.42 MB
Formato Adobe PDF
3.42 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/702536
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact