"La bianca mano lascia la spola". Il riuso strategico di Leopardi nei finali dei Canti di Castelvecchio