Il “disagio della cultura" e i senso dell' "autoformazione" in Romano Guardini. Qualche appunto sulle provocazioni del "post-moderno"