Uomo che “saggia” i pericoli dell’ora, Guardini, nell’incontrare le provocazioni del “moderno»” e del postmoderno tra finitismo tragico, tecnica “autoreferenziale” e “massificazione” deresponsabilizzante, se fa valere la “riserva critica” di una Rivelazione come “ciò che preserva”, richiama insieme ad un ethos che faccia del distanziarsi, e della libertà che si libera la chiave di volta per dominare il caos della civiltà.

Il “disagio della cultura" e i senso dell' "autoformazione" in Romano Guardini. Qualche appunto sulle provocazioni del "post-moderno"

Domenico Bosco
2019

Abstract

Uomo che “saggia” i pericoli dell’ora, Guardini, nell’incontrare le provocazioni del “moderno»” e del postmoderno tra finitismo tragico, tecnica “autoreferenziale” e “massificazione” deresponsabilizzante, se fa valere la “riserva critica” di una Rivelazione come “ciò che preserva”, richiama insieme ad un ethos che faccia del distanziarsi, e della libertà che si libera la chiave di volta per dominare il caos della civiltà.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2._DOMENICO_BOSCO.pdf

accesso aperto

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 387.69 kB
Formato Adobe PDF
387.69 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/709356
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact