Platone e la democrazia di Alcibiade