Il "furbetto del cartellino" non ha sempre torto