Interpretazione giudiziale e costrizione. Ipotesi sulla legittimazione della discrezionalità interpretativa