Il ferro e i Golem: Michele Mari e l'inventario della modernità