Dopo un esame del problema della dipendenza anatomica dei canali semicircolari, e di alcune questioni sulla fisiologia di questi componenti dell'Apparato Vestibolare, particolarmente sull'anisotropia del loro spazio percettivo che è dimostrata sperimentalmente, ne viene proposto un nuovo modello matematico. Si verifica che esso soddisfa le condizioni necessarie di non dare luogo ad eccitazione se soggetto a generiche accelerazioni lineari o centrifughe. Viene quindi studiato il comportamento fisico dei canali semicircolari soggetti ad accelerazioni angolari che sono state sperimentate dall'autore su volontari. Tale studio viene condotto can riferimenti ad altre ricerche sperimentali. Se ne conclude che il modello proposto è uno strumento efficace per lo studio della fisiologia vestibolare.

Un nuovo modello per il sistema dei canali semicircolari dell'uomo Proposta, primi tests, risultati sperimentali e loro interpretazione fisica

Blezza Franco
1980

Abstract

Dopo un esame del problema della dipendenza anatomica dei canali semicircolari, e di alcune questioni sulla fisiologia di questi componenti dell'Apparato Vestibolare, particolarmente sull'anisotropia del loro spazio percettivo che è dimostrata sperimentalmente, ne viene proposto un nuovo modello matematico. Si verifica che esso soddisfa le condizioni necessarie di non dare luogo ad eccitazione se soggetto a generiche accelerazioni lineari o centrifughe. Viene quindi studiato il comportamento fisico dei canali semicircolari soggetti ad accelerazioni angolari che sono state sperimentate dall'autore su volontari. Tale studio viene condotto can riferimenti ad altre ricerche sperimentali. Se ne conclude che il modello proposto è uno strumento efficace per lo studio della fisiologia vestibolare.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Estratto Otorino 2_1980(1).pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 29.43 MB
Formato Adobe PDF
29.43 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/717742
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact