Sulla segnalazione “in sofferenza” alla Centrale dei rischi e la dibattuta natura del preavviso al cliente non consumatore