Il "racconto" della follia. La malattia mentale e i confini della scena