Nel paziente ripreso da arresto cardiaco extraospedaliero, lo stato neurologico valutato entro le prime ore della ripresa di circolo, è sempre indicativo dell’outcome? Caso clinico