Nel corso dei secoli l'uomo è riuscito a modificare, attraverso la sua attività sulla terra, habitat naturali, sistemi idrogeologici e persino il clima. Nell’antropocene infatti, l’azione umana è divenuta così potente da rendere sempre più difficile delimitare l’ambiente naturale dall’ambiente artificiale. Le città sono i nuclei al centro di queste trasformazioni, gli organismi più vulnerabili. La loro caratteristica principale è quella di essere aperte all’inaspettato, di costruire all’infinito possibilità future. Di fronte alle enormi sfide del nostro tempo – in cui i cambiamenti ecologici sono in conflitto con le economie – è ancora più urgente ri-significare le trasformazioni urbane.

Infinite Cities. Resilient urban development.

Maura Mantelli
2019

Abstract

Nel corso dei secoli l'uomo è riuscito a modificare, attraverso la sua attività sulla terra, habitat naturali, sistemi idrogeologici e persino il clima. Nell’antropocene infatti, l’azione umana è divenuta così potente da rendere sempre più difficile delimitare l’ambiente naturale dall’ambiente artificiale. Le città sono i nuclei al centro di queste trasformazioni, gli organismi più vulnerabili. La loro caratteristica principale è quella di essere aperte all’inaspettato, di costruire all’infinito possibilità future. Di fronte alle enormi sfide del nostro tempo – in cui i cambiamenti ecologici sono in conflitto con le economie – è ancora più urgente ri-significare le trasformazioni urbane.
978-9928-131-89-8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/723951
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact