Concordia e concordati. Sulla vitalità di uno strumento di confronto col mondo