Un frammento duecentesco della “Chirurgia” di Rolando da Parma