Tra terremoti e pandemie: il rito come “soluzione magica”