Questo contributo mette in luce la storia del patrimonio religioso della città di Aleppo in cui secoli di storia hanno plasmato una speciale forma di coabitazione urbana, rendendola una delle più tipiche espressioni della convivenza mediorientale tra ebrei, cristiani e musulmani. Nel secolo scorso, il suo tessuto umano e urbano è cambiato radicalmente: dapprima la scomparsa degli ebrei dopo il 1948, quindi la rarefazione dei cristiani, fino alla guerra attuale che, oltre al suo carico di morte e distruzione, sembra aver portato con sé anche la fine della coabitazione multireligiosa di cui Aleppo è stata una degli esempi più originali .

Aleppo, memoria di una città

Paola Pizzo
2020

Abstract

Questo contributo mette in luce la storia del patrimonio religioso della città di Aleppo in cui secoli di storia hanno plasmato una speciale forma di coabitazione urbana, rendendola una delle più tipiche espressioni della convivenza mediorientale tra ebrei, cristiani e musulmani. Nel secolo scorso, il suo tessuto umano e urbano è cambiato radicalmente: dapprima la scomparsa degli ebrei dopo il 1948, quindi la rarefazione dei cristiani, fino alla guerra attuale che, oltre al suo carico di morte e distruzione, sembra aver portato con sé anche la fine della coabitazione multireligiosa di cui Aleppo è stata una degli esempi più originali .
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Aleppo_Pizzo_SMM_2020.pdf

accesso aperto

Descrizione: articolo principale
Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 4.26 MB
Formato Adobe PDF
4.26 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/731422
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact