Il Croce engelsiano e i “fuochi” del paragone ellittico