Nell’azione revocatoria esperita dal curatore, qual è il corretto significato da attribuire alla malafede del subacquirente là dove questi abbia acquistato a titolo oneroso un bene in precedenza ceduto dal fallito al suo dante causa mediante un atto a titolo gratuito?

Revocatoria del subacquisto oneroso di un immobile donato dal fallito: in cosa consiste la (prova della) malafede?

Angelone, Marco
2020

Abstract

Nell’azione revocatoria esperita dal curatore, qual è il corretto significato da attribuire alla malafede del subacquirente là dove questi abbia acquistato a titolo oneroso un bene in precedenza ceduto dal fallito al suo dante causa mediante un atto a titolo gratuito?
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Marco Angelone_Revocatoria del subacquisto oneroso di un immobile donato dal fallito. In cosa consiste la (prova della) malafede.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 131.41 kB
Formato Adobe PDF
131.41 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11564/738050
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact