Il saggio di Pierluigi Pellini La guerra al buio. Céline e la tradizione del roman- zo bellico (2021), apparso di recente nella collana Elements di Quodlibet, riflet- te sulla rappresentazione della guerra in Céline, con particolare riferimento alla prima parte del Voyage au bout de la nuit e a Casse-pipe, frammento di quello che avrebbe dovuto essere un romanzo mai portato a compimento: il primo testo narra l’esperienza dei primi mesi di guerra mondiale di Bardamu, che si è ingaggiato volontario come corazziere a cavallo; il secondo la notte in cui una recluta arriva a Rambouillet, dove si svolgerà il suo addestramento militare.

Pierluigi Pellini, "La guerra al buio. Céline e la tradizione del romanzo bellico". Macerata, Quodlibet, 2021,

Valentina Sturli
2021-01-01

Abstract

Il saggio di Pierluigi Pellini La guerra al buio. Céline e la tradizione del roman- zo bellico (2021), apparso di recente nella collana Elements di Quodlibet, riflet- te sulla rappresentazione della guerra in Céline, con particolare riferimento alla prima parte del Voyage au bout de la nuit e a Casse-pipe, frammento di quello che avrebbe dovuto essere un romanzo mai portato a compimento: il primo testo narra l’esperienza dei primi mesi di guerra mondiale di Bardamu, che si è ingaggiato volontario come corazziere a cavallo; il secondo la notte in cui una recluta arriva a Rambouillet, dove si svolgerà il suo addestramento militare.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sturli_Pellini.pdf

accesso aperto

Tipologia: PDF editoriale
Dimensione 164.16 kB
Formato Adobe PDF
164.16 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11564/795879
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact