L'asceta narcisista. Gabriele D'Annunzio e le ambigue forme della spiritualità